Siete qui
Home > Musica > Il Conservatorio di Teheran aprirà una sede in Canada

Il Conservatorio di Teheran aprirà una sede in Canada

Fallback Image

I dirigenti del conservatorio di Teheran si sono incontrati in una conferenza stampa.

Behzad Maafi, il direttore del conservatorio, ha detto ai giornalisti che la scuola è stata fondata nel 1998, e da allora ha diffuso e ha sostenuto la musica in tutto il paese. “Grazie a queste attività abbiamo firmato 12 accordi con i conservatori più prestigiosi del mondo, il che è un grande risultato per la musica iraniana. Prima dello scoppio della crisi in Ucraina abbiamo partecipato a una conferenza internazionale con altri 300 musicisti: ciò ha contribuito alla fama dell'Iran, poiché siamo finiti tra i primi dieci membri della conferenza.”

Egli ha anche fornito i dettagli dell'attività del Conservatorio. “Attualmente ospitiamo 1.200 studenti di musica che vogliono una laurea di primo e di secondo livello. Finora, più di 4.500 studenti si sono laureati, il 75% dei quali ora lavora come musicista, il che rappresenta un grande onore per noi.”

Ha inoltre detto che il conservatorio aprirà una sede internazionale a Toronto, in Canada, cosicché “uno studente di musica iraniano potrà iscriversi a corsi con il permesso del governo canadese.”

“La nostra intenzione è quella di introdurre la musica iraniana in Canada e lavoriamo per portare ai canadesi tutte le sottoclassi della musica iraniana, ” ha detto, fornendo i dettagli della futura agenda del Conservatorio. “Si terrà un corso accademico con diploma onorario di prestigio internazionale; altre sedi saranno aperte in altre città di tutto il paese, creando un'atmosfera molto simile a quella che disciplina i corsi di musica dei paesi leader nel settore. L'anno prossimo sarà costruito un nuovo edificio che ospiterà il conservatorio.”

Maafi ha detto che il centro è gestito in modo del tutto privato e fa affidamento su risorse personali; è concentrato sulla diffusione della musica iraniana e internazionale. Maafi spera che con il nuovo governo “l'attività nel settore della musica possa aumentare.”

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Articoli simili

Top