Siete qui
Home > Generale > Iran: contatti con aziende petrolifere in vista riduzione sanzioni

Iran: contatti con aziende petrolifere in vista riduzione sanzioni

Fallback Image

Il ministro del Petrolio iraniano, Bijan Namdar Zanganeh, ha reso noto di aver ”ripreso i contatti” con le principali aziende petrolifere mondiali, in vista di una possibile attenuazione delle sanzioni economiche, dopo l’accordo raggiunto domenica a Ginevra sul nucleare di Teheran.

Zanganeh ha rivelato al Financial Times di aver contattato le aziende petrolifere ”con l’intenzione di invitarle a tornare a stringere rapporti commerciali con l’Iran”.

All’inizio degli anni ’90, Zanganeh convinse Total, Royal Dutch Shell, Eni e Statoil a investire nei settori petroliferi e del gas di Teheran, nonostante le sanzioni economiche in vigore.

Il ministro del Petrolio ha precisato al Ft che ”sono queste” le aziende che Teheran punta a far rientrare nel Paese, una volta attenuate le sanzioni.

”L’accordo di Ginevra è un primo passo per la revoca delle sanzioni.

Non possiamo firmare contratti, ma l’intesa aprirà le porte”, ha spiegato Zanganeh.

Le sanzioni internazionali ”hanno ridotto la produzione e l’esportazione di petrolio, paralizzando anche lo sviluppo dei siti petroliferi e del gas”, ha chiarito il ministro.

”Abbiamo bisogno di transazioni e interazioni con aziende internazionali affidabili per ricevere non solo capitale, ma tecnologia e capacità di gestione: con le sanzioni non possiamo raggiungere il livello di esportazioni che vogliamo, non abbiamo accesso a parte del nostro denaro ed è molto difficile per noi acquistare alcune apparecchiature di cui abbiamo bisogno”, ha concluso il ministro Zanganeh.

Fonte AFP

Articoli simili

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top